Horror storytelling 2

(1 recensione del cliente)

 

Autori e titoli protagonisti della raccolta:

Elisa Bertini
– Amelia Stevenson
– Arthur Conan Doyle e il fantasma di Barreton Manor
Italo Riccardo Miscia
– Bianca è la neve
Francesca Santi
– Cinque pagine al giorno
– Dormono nei muri
– Il gatto
– L’eredità di Lombroso
Cristina Allacciati
– Cuori e croci
Vito Santoro
– Il bacio di Mitridate
Stefano Telera
– Il pozzo delle anime
Roberto Masini
– La pecora nera
Andrea Boggione
– Ultimo viaggio all’inferno
Simone Volponi
– Vaticano in fiamme

 

 

 10.00

Sfoglia la lista dei desideri
Categoria:

1 recensione per Horror storytelling 2

  1. Roberto Masini

    Anziché una vera e propria recensione che potrebbe suonare autocelebrativa, essendo io uno degli scrittori, vorrei proporre invece, per ciascun racconto, i miei personali e perciò emendabili, quarti di copertina:
    Elisa Bertini
    – Amelia Stevenson: una ragazza scomparsa. Un’improbabile ricerca. La festa dell’Estate con i suoi riti cruenti. Finale tipicamente horror
    – Arthur Conan Doyle e il fantasma di Barreton Manor: una ghost story con il padre di Holmes. L’atmosfera e gli ambienti tipicamente vittoriani rendono la lettura simile ai racconti fantastici del baronetto.
    Italo Riccardo Miscia
    – Bianca è la neve: una dark fantasy dove la vendetta la fa da padrone e lo splatter non è fine a se stesso
    Francesca Santi
    – Cinque pagine al giorno: uno strano modo di trarre l’ispirazione per scrivere; quando un modus dicendi diventa modus operandi
    – Dormono nei muri: non sono i ratti di lovecraftiana memoria ad abitare nei muri ma altre più inquietanti specie viventi.
    – Il gatto: un eco-horror sui diritti degli animali che potrebbe provocare ailurofobia.
    – L’eredità di Lombroso: la criminologia unita alla fisiognomica è una scienza inesatta che se non correttamente intesa può portare alla morte.
    Cristina Allacciati
    – Cuori e croci: la tematica del doppio, che riecheggia “L’invasione degli ultracorpi” ,applicata ad Halloween rende il racconto originalmente orrorifico
    Vito Santoro
    – Il bacio di Mitridate: un noir oniroide
    Stefano Telera
    – Il pozzo delle anime: un commovente racconto dove gli eidola sono la spiegazione irrazionale ma salvifica
    Roberto Masini
    – La pecora nera: un legal-horror con echi macheniani
    Andrea Boggione
    – Ultimo viaggio all’inferno: un horror immerso in una cupa atmosfera ha come protagonista un vecchio degenerato pentito che vuole salvare la sua bella; il finale non sarà degno però di un cavaliere.
    Simone Volponi
    – Vaticano in fiamme: se sei un vero cristiano devi credere alla resurrezione dei morti.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *