La mia miglior nemica

Viola Diesse

È quando vedi nero, e la solitudine è la tua unica compagna, che devi stringerti la mano e risalire,
perché ricorda: Non sei sola, ci sei tu al tuo fianco.

15,00

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su tumblr
Condividi su email

SINOSSI

Mi presento: sono Viola e ho custodito questo libro in una parte fertile del mio cuore. L’ho tenuto al riparo dalle innumerevoli tempeste che ho attraversato e ho atteso che giungesse il suo tempo, quello che sarebbe coinciso con la guarigione della mia anima.
Questa è la mia storia.

Sono stata una ragazzina buona e ingenua, la perfetta preda di colei che si insinua dirompente, che si avviluppa intorno alla vita della vittima e cerca di cambiarla, annichilirla, spegnerla: la bulimia.
È stata la mia burattinaia per lunghi anni, tenebri notti e soffocanti giorni. Mi ha isolato da tutto e tutti, ha deciso ogni mio passo e a ogni piccola risalita era pronta a ostacolarne il percorso. Nessuna gioia, nessuna vittoria. Mi ha spinto talmente a fondo da segnarmi con il sangue, lì dove ho smesso di esistere in quanto Viola.
Ho provato a cucirmi una maschera per nascondermi ai suoi occhi, per cercare di tornare alla vita. L’ho indossata per anni: era fatta di colori, gioie e sorrisi. È stato utile, sì, ma allo stesso tempo ha celato a tutti la persona che sono.
È tornata una notte all’improvviso, quando non avevo indosso la maschera. Quella notte però non tornammo a lottare. Mentre un angelo volava in cielo, decidemmo di stringere un accordo e lei divenne la mia miglior nemica.